Consigli utili da mettere in pratica

CAMBIARE UN RADIATORE

Smontare il vecchio radiatore

Prima di scollegare un radiatore dall’impianto, svitando i dadi che lo stringono ai tubi di entrata ed uscita dell’acqua, è necessario chiudere le valvole in testa ad ogni tubo. Se per qualsiasi motivo una delle due non ci fosse o fosse bloccata in posizione aperta, bisogna svuotare l’intero impianto (nel locale caldaia c’è l’apposita valvola di scarico).
Si svita prima la ghiera in alto, poi, passando a quella sotto, inizia a fuoriuscire il liquido rimasto all’interno del radiatore: meglio munirsi di una bacinella capiente.
Per rimontare il vecchio radiatore servono solo due nuove guarnizioni per le valvole; il montaggio di uno nuovo, diverso dal precedente, potrebbe richiedere il riposizionamento delle staffe di sostegno e lo spostamento dei tubi per la differenza di interasse dei raccordi.

  • Se possibile le zanche murate vanno rimosse, altrimenti possono essere tagliate con la smerigliatrice sotto filo muro, per poter stuccare.
  • La ghiera della valvola da svitare per rimuovere il radiatore è quella dalla parte del calorifero, ovvero quella a valle della valvola.
  • Eliminata la valvola di mandata, si passa allla valvola inferiore procurandosi un contenitore abbastanza capiente da raccogliere l’acqua del radiatore; i più capienti ne contengono anche 10 litri.

Montare il nuovo radiatore

Prima di rimontare il radiatore si approfitta per rinfrescare la parete retrostante, sempre poco accessibile, su cui si accumula e si fissa lo sporco.

Il radiatore dev’essere montato con una leggera pendenza verso la valvola per convogliare l’aria sul lato opposto, verso lo sfiato.

Il tronchetto filettato si avvita alla riduzione presente sul radiatore; il filetto va prima guarnito con canapa, poi si serra la valvola frapponendo tra questa e le ganasce una striscia di materiale morbido.

Manutenzione o sostituzione?

Per arrivare ad applicare lo smalto anche tra i singoli elementi dei termosifoni si può utilizzare un pennello a manico lungo con l’estremità inclinata;
l’applicazione in profondità non sarà perfetta, ma almeno non saranno visibili differenze di colore.

Gli elementi dei radiatori sono smontabili per consentire la sostituzione anche di uno soltanto di essi; sono assemblati con doppie viti e sull’ultimo elemento va montato il tappo forato, sul quale va alloggiato il tronchetto della valvola (quello munito di ghiera).

Scarica Consiglio Utile .pdf - 406.43 kb

Cerca il punto vendita

Scopri il negozio più vicino a te