Consigli utili da mettere in pratica

COSTRUIRE CON IL CARTONGESSO

Profilati metallici e pannelli

Se il muro non si presta all’incollaggio dei pannelli, occorre predisporre un’orditura metallica a cui fissarli con viti autofilettanti.
Intorno alle finestre il profilato dev’essere montato proprio sullo spigolo per poter fissare le due lastre d’angolo. Un buon avvitatore accelera il montaggio.
La struttura per il controsoffitto si presta per ospitare materassini in lana di vetro per migliorare l’isolamento; le lastre di cartongesso si tagliano a misura incidendo una faccia con il cutter, piegandole indietro e completando il taglio sull’altra faccia; se hanno grandi dimensioni, occorre essere in due, specie per il soffitto.

Giunzioni tra pannelli

  1. l’alloggiamento per le scatole dell’impianto elettrico, costruite per il cartongesso, si realizza con due fori contigui praticati con la sega a tazza.
  2. i giunti si armano con l’apposito nastro a rete, moderatamente adesivo, che funge da supporto allo stucco ed impedisce il formarsi di crepe.
  3. la stuccatura dei giunti si esegue con la manara in due passate, la prima per colmare i vuoti più vistosi e la seconda, più larga, a finire.

I panneli di cartongesso sono costituiti da un’anima di gesso ricoperta su entrambe le facce con speciale cartone ad alta resistenza.

Con le lastre in gesso rivestito sono possibili ristrutturazioni importanti senza demolizioni e smaltimento di macerie.
Con il cartongesso, oltre ai rivestimenti, si possono tirar su tramezze, realizzare profili curvi, controsoffittature, incassare i sanitari sospesi in una controparete.
In molti casi il locale rimane fruibile senza dover proteggere o trasferire gli arredi, il lavoro è abbastanza pulito.
Il cartongesso ha buone proprietà coibenti ed insonorizzanti ed una tramezza ha un peso 8-10 volte inferiore rispetto ad una in muratura; l’intelaiatura, costituita di montanti e traversi, può ospitare al suo interno pannelli in materiale isolante.
Le superfici finali si presentano lisce, basta stuccare le giunture e le viti incassate che fissano le lastre al telaio, per poi passare direttamente alla pitturazione o all’applicazione di parati.

Murature non rinnovabili con una semplice imbiancatura, ma che richiederebbero parziali demolizioni, vengono rispristinate in modo rapido e pulito incollando alle pareti pannelli in cartongesso, stuccando le giunte e pitturando.

Scarica Consiglio Utile .pdf - 386.82 kb

Cerca il punto vendita

Scopri il negozio più vicino a te