Consigli utili da mettere in pratica

LE PITTURE DA MURO

Come si fa

Le pitture per interni sono tutte formulate con gli stessi componenti, ma miscelati in percentuali diverse in base alla qualità ed al prezzo del prodotto, dalle tempere alle idropitture traspiranti e lavabili ricche di pigmenti.
Il biossido di titanio conferisce il colore bianco e il potere coprente (2-2,5%); il legante è un’emulsione di resine agglomeranti per far aderire i componenti alla parete (3-40%); le cariche sono finissime polveri inerti che abbassano il prezzo, ma peggiorano la resa e la copertura (60-10%); gli additivi controllano viscosità, resistenza alle muffe e stabilità chimica.
L’acqua, per fluidificare la pittura, ma anche per contenerne il prezzo, è un componente importante.

  • Dopo aver rimosso eventuali chiodi o tasselli ed aver stuccato i fori, occorre eseguire un’accurata pulizia delle pareti con scopa o spazzola per rimuovere polvere o sfarinamenti.
  • Conviene pitturare per prime le zone negli spigoli fra parete e soffitto con un pennello a testa inclinata o con un rullino; è così più agevole procedere con pennellesse o rulli sulle pareti.
  • Nei bagni e nelle cucine è da preferire la calce: non presenta un colore bianco brillante, ma ha un’elevata permeabilità al vapore acqueo.

Effetti speciali

  1. per ottenere l’effetto “spatolato” si applica un prodotto pastoso a base di farina di quarzo utilizzando la manara liscia passata con movimenti semicircolari; la successiva carteggiatura liscia la superficie, ma lascia in evidenza le “creste” della manara.
  2. alcuni prodotti colorati, da applicare sempre su base di farina di quarzo, contengono pigmenti puntiformi che rimangono in evidenza lasciando sulla
    parete un gradevole effetto rustico, il “puntinato”. Si applicano con pennellate incrociate da lisciare con una spatola.
  3. lo “stucco veneziano” si ottiene con la spatola passata di taglio sul prodotto in pasta colorata, applicato con la manara liscia e leggermente carteggiato; lucidando la superficie restano evidenti striature più opache che emergono dalle zone sottomesse.
  4. l’effetto “calce a spatola” si ottiene con l’applicazione di prodotti colorati a base di calce bicarbonata additivata; bisogna ricoprire zone di superficie non superiori a un metro quadrato per volta, altrimenti la finitura indurisce e non può essere lucidata per bene.

Tipi e caratteristiche

Bisogna impedire il ristagno dell’umidità per evitare muffe e salnitro. Le pareti devono respirare sia dall’interno che dall’esterno, per cui è meglio utilizzare pitture
traspiranti in interni e pitture ai silicati o ai silossani in esterno, resistenti alle intemperie; respingono l’acqua, ma lasciano passare il vapore.

Scarica Consiglio Utile .pdf - 382.67 kb

Cerca il punto vendita

Scopri il negozio più vicino a te