Consigli utili da mettere in pratica

MONTARE UN CANCELLO

Se l’autocostruzione di un cancello, in legno o ferro che sia, è un’impresa riservata a chi ha esperienza di incastri e saldatura, la sua posa in opera è comunque un lavoro tosto. La robustezza dei pilastri di sostegno dev’essere adeguata al peso dell’anta, come pure i cardini; questi vanno saldati a robuste putrelle poi rivestite, tenendo conto dello spessore del rivestimento nel calcolo della sporgenza, o inseriti nella muratura con un ancorante chimico.
Tutti i cardini devono essere perfettamente allineati nelle tre dimensioni, una minima differenza nel fissaggio al pilastro si traduce in un disassamento di centimetri sulla battuta delle due ante.
Per questo motivo le due ante del cancello vanno collocate nella posizione di chiusura, spessorate per stare alla giusta altezza, in bolla e verticali; a questo punto si murano le zanche dei cardini ai due pilastri. Se le ante sono particolarmente pesanti possono essere necessari tre cardini per parte e quello alla base del piantone è bene che sia del tipo a sfera.
Bisogna poi predisporre un punto di battuta, quando le ante si chiudono, ed un
chiavistello che si impegni in un foro a pavimento in corrispondenza della battuta
stessa.

Autocostruzione in ferro

Con distanziali di legno si verifica che le aste verticali siano posizionate alla giusta distanza l’una dall’altra; sulla cima di ognuna è saldata una punta ornamentale.
La piastra femmina del cardine viene saldata al montante; affinché il cancello si apra e chiuda senza difficoltà è necessario che i due cardini siano perfettamente in linea.

Montare su pilastri

Il pilastro si costruisce tra 4 montanti provvisori attorno ad un tubo quadro. Realizzata la muratura, che incorpora le zanche dei cardini, si rifinisce con l’intonaco, utilizzando i montanti come livello per lo scorrimento della stadia.
Questo cancello è realizzato con tubo quadro e ferro piatto, lance e sfere ornamentali si trovano già pronte da saldare. Le traverse superiori sono curvate, le aste verticali sono collegate alle traverse orizzontali con ribattini.

Doppia anta di legno

In alternativa al cancello di ferro, per meglio integrarsi con lo stile dell’abitazione, può essere conveniente ricorrere ad un cancello di legno; per solidità i pilastri sono putrelle di ferro, a cui vengono saldati gli elementi di articolazione prima di rivestirle con tavole di legno.

Scarica Consiglio Utile .pdf - 518.95 kb

Cerca il punto vendita

Scopri il negozio più vicino a te