Consigli utili da mettere in pratica

POSARE LE PIASTRELLE

Per la posa di pavimenti e rivestimenti in piastrelle occorre sempre un sottofondo piano e regolare. In uno spazio esterno, bisogna mantenere una leggera pendenza (2%) in modo che l’acqua possa scorrere via senza ristagnare.
La posa in verticale si inizia in corrispondenza di un angolo o di uno spigolo, verificando che sia verticale. Si stende la miscela di adesivo e acqua con la manara dentata, per non più di un metro quadrato (fa presa rapidamente), e si posano le piastrelle, distanziandole con crocini. Dopo circa un giorno, si può stendere lo stucco riempifughe.

La posa in piano si inizia dal punto più lontano dalla porta d’accesso al locale; se le pareti non sono in squadra, si traccia sul pavimento la linea di partenza, riempiendo a fine lavoro gli spazi sbiechi con porzioni di piastrelle.
Procedendo, si controlla la planarità della piastrellatura, pareggiando piccole irregolarità battendo delicatamente la superficie con un martello. Colla e riempifughe sono gli stessi dei rivestimenti; solo in esterno si utilizza una colla con un potere adesivo maggiore, resistente alle intemperie.

Sottofondo e tracciatura

  1. tolte le vecchie piastrelle si livella con malta magra, se occorre, la caldana; il pavimento va lavato energicamente per eliminare ogni sfarinatura di malta.
  2. bloccati (con biettine o con viti e tasselli) contro i lati corti due listelli di legno, si tira una lignola sopra la linea di mezzeria già tracciata, ad un paio di centimetri da terra.
  3. all’esatto centro della mezzeria si colloca una crocetta distanziale e, partendo da questa, si procede all’incollaggio della fila centrale di piastrelle, allineandone i vertici sotto la lignola. Nella posa in diagonale dall’esattezza di questa prima fase dipendono più che mai facilità e regolarità di posa delle altre piastrelle.

Taglio, posa e stuccatura

  1. in un pavimento piastrellato in quadro almeno due file di piastrelle debbono essere tagliate per adattarsi alle sue misure; in una piastrellatura in diagonale il numero di tagli è nettamente superiore ed interessa tanto tagli paralleli ai bordi quanto tagli lungo la diagonale delle piastrelle.
  2. via via che si completa la posa della fila di triangoli, ne va controllato l’esatto allineamento con una staggia per non incontrare difficoltà poi nella realizzazione del bordo.
  3. il riempifughe si fa penetrare fra le piastrelle con una spatola di gomma; quando è quasi asciutto si elimina l’eccesso con acqua e spugna.

Gli attrezzi del piastrellista

  1. spatola dentata per colla
  2. tagliapiastrelle
  3. riga metallica
  4. forbici
  5. martello
  6. secchiello
  7. metro a stecche
  8. cazzuola
  9. matita
  10. cutter
  11. manara con lato dentato
  12. tagliapiastrelle a pinza
  13. tenaglie
  14. rotella metrica
  15. livella a bolla
  16. mazzuolo

Se si realizzano rivestimenti con fughe maggiorate, diventano indispensabili i crocini distanziali per mantenere le piastrelle nella giusta posizione ed a distanza costante le une rispetto alle altre; se le piastrelle sono a contatto, è utile munirsi di piccoli cunei in plastica per uniformare le irregolarità in altezza.

Quante piastrelle servono

Il numero delle piastrelle si calcola dividendo la lunghezza di una parete per quella di un lato della piastrella e la lunghezza della parete adiacente per quella dell’altro lato (se le piastrelle sono rettangolari). I due risultati moltiplicati fra loro danno una cifra da aumentare del 10% per compensare frazionamenti, errori e rotture accidentali.

Scarica Consiglio Utile .pdf - 479.29 kb

Cerca il punto vendita

Scopri il negozio più vicino a te