Consigli utili da mettere in pratica

SMALTARE IL FERRO NUOVO E VECCHIO

Su ferro nuovo

Il problema principale da affrontare dovendo trattare il ferro consiste nel combattere efficacemente l’ossidazione che porta alla formazione di ruggine.
Un tempo il ferro veniva trattato con il minio, oggi in disuso per la tossicità del piombo che conteneva; adesso i primer sono a base acquosa, contengono pigmenti anticorrosivi ed essiccano rapidamente.
Ci sono anche prodotti vernicianti formulati per convertire direttamente la ruggine,
senza trattamenti preliminari, disponibili in molti colori e resistenti agli agenti atmosferici; alcuni sono adatti anche per resistere alle alte temperature senza emanare esalazioni tossiche, ideali per forni e barbecue.

  • con speciali dischi di nylon, impregnati di resina e granuli abrasivi, montati sulla smerigliatrice, si ottiene una perfetta finitura delle superfici. Per sverniciare conviene usare dischi a lamelle rinforzati con fibra di vetro.
  • un ferro nuovo necessita di accurata preparazione prima di essere verniciato. Tracce di olio o grassi vanno rimosse con uno straccio imbevuto di solvente per sgrassare bene la superficie.
  • per i manufatti che sono stati sottoposti a trattamenti antiossidanti, mediante zincatura, esistono vernici apposite, a pennello o spray, in grado di dare una buona copertura anche su superfici molto lisce.

Come combattere la ruggine

  1. il supporto va pulito asportando ruggine o parti in fase di distacco, carteggiando ove possibile e ricorrendo ad una spazzola di ferro per raggiungere le zone più difficili.
  2. i migliori smalti per ferro sono a base di resine naturali, coloranti, una notevole quantità di silicone e finissime particelle d’alluminio. Per ottenere
    una protezione completa si applicano rispettando un preciso ciclo.
  3. per certi prodotti l’applicazione richiede solo una sommaria rimozione delle parti in fase di distacco. Sono prodotti con consistenza di gel che si agitano prima dell’uso.
  4. il convertitore di ruggine penetra nei pori del ferro. Dopo qualche ora dall’applicazione assume una colorazione bluastra, data dalla reazione che trasforma la ruggine in una sostanza neutra e protettiva.

Diversi tipi di finitura

  1. gli smalti acrilici sono versatili e di facile impiego, per interno ed esterno sui supporti di legno e metallo (inclusi termosifoni), plastica (PVC), purché opportunamente trattati con primer di preparazione.
  2. gli smalti sintetici sono prodotti molto brillanti applicabili anche su legno, caratterizzati da un’ottima copertura, facile pennellabilità ed elevata resistenza agli agenti atmosferici, ideali per manufatti esterni.
  3. con lo malto ferromicaceo, a base di resina alchidica in dispersione acquosa, alluminio lamellare, ossido di ferro micaceo e fosfato di zinco, si ottiene un pregevole effetto antichizzante simile a quello del ferro battuto.

Scarica Consiglio Utile .pdf - 417.29 kb

Cerca il punto vendita

Scopri il negozio più vicino a te